Saggi

Les indéterminations augustiniennes. Gilson’s reading of the Augustinian thought

Federico Chiappetta

Abstract


Étienne Gilson ha dedicato numerosi lavori alla riflessione filosofica di Agostino e alla tradizione agostiniana medievale. Lo storico francese ha cercato di rilevare i tratti principali e lo spirito della filosofia agostiniana e si è interessato ai complessi sviluppi dell’agostinismo. Gilson ha introdotto la categoria storiografica delle indeterminazioni agostiniane per esprimere la complessità del pensiero di Agostino: questa filosofia sarebbe caratterizzata da numerose questioni irrisolte dovute al tentativo agostiniano di dare alla filosofia neoplatonica un significato cristiano. In alcuni suoi lavori, Gilson ha sostenuto che la convergenza fra queste indeterminazioni e alcuni sistemi di pensiero, giunti nell’occidente latino fra il XII e il XIII secolo, avrebbe ispirato la cosiddetta riforma tomista. A questo proposito è molto importante un articolo del 1926, Pourquoi saint Thomas a critiqué saint Augustin. L’articolo mostra l’importanza delle indeterminazioni negli studi dello storico: questa intrinseca incompletezza dell’opera di Agostino consentirebbe di comprendere non solo gli sviluppi del pensiero agostiniano, ma anche il pensiero di Tommaso d’Aquino e della scuola domenicana. L’articolo tratteggia, inoltre, l’interpretazione di Gilson del pensiero agostiniano in relazione all’adesione dello storico alla filosofia neoscolastica.

Étienne Gilson devoted several studies to Augustine’s thought and to medieval Augustinian tradition. The French historian attempted to paint the main tracts and the spirit of Augustine’s philosophy and he studied the complex developments of Augustinianism. Gilson introduced the historical category of the indéterminations augustiniennes to express the problematic nature of Augustine’s thought: this philosophy would be characterized by several unexplained questions due to the Augustinian attempt to attach a Christian meaning to the Neoplatonic philosophy. In numerous of his works, Gilson pointed out that the confluence of these indéterminations and some philosophies, penetrated into Latin west during XII-XIII centuries, would have inspired the so-called Thomistic reform. On this subject it is very revealing an essay written in 1926, “Pourquoi saint Thomas a critiqué saint Augustin”. This paper aims to outline the importance of the indéterminations in the Gilsonian studies: this intrinsic incompleteness of the Augustinian texts would allow understanding not only the Augustinian tradition, but also Thomas Aquinas’ philosophy and Dominican thought. This article outlines Gilson’s reading of the Augustinian thought with regard to Gilsonian Neo-Scholastic philosophy.


Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.13130/2035-7362/6841

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aunimi-16816

Aggiungi un commento