Il notaio Bonvassallo de Olivastro. Carriera e reti di relazioni di uno scriba del comune di Genova (1262-1280)

Autori

DOI:

https://doi.org/10.17464/9788867743001_03

Parole chiave:

XIII secolo, Comune di Genova, Notariato, Protocolli notarili, Diplomatica

Abstract

I notai si muovono all’interno delle istituzioni sia in qualità di estensori della documentazione pubblica, sia in veste di protagonisti. Le attestazioni di un loro coinvolgimento in qualità di funzionari sono rinvenibili all’interno degli stessi registri, che conservano scritture pubbliche in cui compare il magistrato nell’esercizio delle sue funzioni insieme ai documenti redatti per la clientela privata. Questo contributo è rivolto allo studio della produzione del notaio Bonvassallo de Olivastro, attivo in area genovese tra il 1262 e il 1280. Gli elementi emersi dall’analisi dei suoi registri sono impiegati per ripercorrere l’evoluzione della sua carriera professionale, caratterizzata da diversi incarichi svolti al servizio delle magistrature del Comune. Dall’osservazione degli attori che compaiono a vario titolo nei suoi documenti emerge la vasta rete di relazioni in cui si muove questo professionista, che include famiglie eminenti, professionisti del diritto e mondo artigiano.

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.

##submission.downloads##

Pubblicato

2020-12-23

Come citare

Orlandi, G. M. (2020) «Il notaio Bonvassallo de Olivastro. Carriera e reti di relazioni di uno scriba del comune di Genova (1262-1280)», Studi di storia medioevale e di diplomatica - Nuova Serie, (4), pagg. 57–86. doi: 10.17464/9788867743001_03.

Fascicolo

Sezione

Saggi