Sulla rivista

Focus e ambito

La rivista accoglie saggi di storia medievale, di paleografia e di diplomatica, con preferenza per ricerche originali che utilizzino fonti inedite, delle quali è prevista anche la pubblicazione.

Processo di Peer Review

«Studi di Storia Medioevale e di Diplomatica» applica a tutti i saggi proposti un sistema di double-blind peer review. Dopo la valutazione preliminare da parte del Comitato Scientifico, il testo viene inviato in forma anonima a due referee, che formulano un giudizio. L’elenco dei referee viene reso noto dopo l’uscita di tre numeri della rivista.

Open Access Policy

Studi di Storia Medioevale e di Diplomatica fornisce accesso aperto ai suoi contenuti, ritendendo che rendere le ricerche disponibili liberamente al pubblico migliori lo scambio della conoscenza a livello globale; permette inoltre ai lettori di leggere, scaricare, copiare, distribuire, stampare o rimandare tramite link ai testi integrali degli articoli in essa contenuti e di impiegarli secondo gli scopi consentiti dalla legge.

Archiviazione digitale

L'Università degli Studi di Milano ha un accordo di archiviazione con le Biblioteche Nazionali Centrali di Firenze e Roma nell'ambito del progetto nazionale Magazzini Digitali.

La rivista ha attivato il servizio PKP PN (Preservation Network) per conservare i contenuti digitali attraverso il loro trasferimento al progetto LOCKSS (Lots of Copies Keep Stuff Safe).

 

Misure antiplagio

Gli editor hanno il compito di agire tempestivamente in caso di errori e comportamenti scorretti, accertati o presunti, sia nei confronti dei contributi pubblicati che di quelli ancora da pubblicare. In caso di errori, pubblicazione fraudolenta o plagio, negli articoli pubblicati o durante il processo di pubblicazione, verranno prese le misure appropriate, seguendo le raccomandazioni e le linee guida di di COPE. Le correzioni avverranno con il dovuto risalto, inclusa la pubblicazione di un erratum (errori nel processo di pubblicazione), rettifica (errori degli autori) o, nei casi più gravi, il ritiro del lavoro interessato. I documenti ritirati verranno conservati online e saranno contrassegnati in modo ben visibile come ritrattazione in tutte le versioni online, incluso il PDF, a garanzia di trasparenza verso i lettori.              

 

Codice etico

«Studi di Storia Medioevale e di Diplomatica» è un periodico annuale scientifico peer-reviewed che si ispira al codice etico delle pubblicazioni elaborato dal Committee on publication Ethics (COPE): Best Practice Guidelines for Journal Editors.

È necessario che tutte le parti coinvolte – Autori, Comitato Scientifico, Comitato di Redazione, Direttore responsabile e referee – conoscano e condividano i seguenti requisiti etici.

 

DOVERI DEI COMITATI SCIENTIFICO E DI REDAZIONE

Decisioni sulla pubblicazione

Il Comitato Scientifico e il direttore responsabile di «Studi di Storia Medioevale e di Diplomatica» sono responsabili della decisione di pubblicare o meno gli articoli proposti. Il Comitato Scientifico e il Direttore responsabile possono consultarsi con i referee per assumere tale decisione.

 

Correttezza

Il Comitato Scientifico e il Direttore responsabile valutano gli articoli proposti per la pubblicazione in base al loro contenuto senza discriminazioni di razza, genere, orientamento sessuale, religione, origine etnica, cittadinanza, orientamento politico degli Autori.

 

Riservatezza

I componenti del Comitato Scientifico, del Comitato di Redazione e il Direttore responsabile si impegnano a non rivelare informazioni sugli articoli proposti a altre persone oltre all’Autore e ai referee.

 

Conflitto di interessi e divulgazione

I componenti del Comitato Scientifico, del Comitato di Redazione e il Direttore responsabile si impegnano a non usare in proprie ricerche i contenuti di un articolo proposto per la pubblicazione senza il consenso scritto dell’Autore.

 

DOVERI DEI REFEREE

Contributo alla decisione editoriale

La peer-review è una procedura che aiuta il Comitato Scientifico e il Direttore responsabile a assumere decisioni sugli articoli proposti e consente anche all’Autore di migliorare il proprio contributo.

 

Rispetto dei tempi

Il referee che non si senta adeguato al compito proposto o che sappia di non poter svolgere la lettura nei tempi richiesti è tenuto a comunicarlo tempestivamente al Direttore responsabile.

 

Riservatezza

Ogni testo assegnato in lettura deve essere considerato riservato. Pertanto, tali testi non devono essere discussi con altre persone senza esplicita autorizzazione del Direttore responsabile.

 

Oggettività

La peer review deve essere condotta in modo oggettivo. Ogni giudizio personale sull’Autore è inopportuno. I referee sono tenuti a motivare adeguatamente i propri giudizi.

 

Indicazione di testi

I referee si impegnano a indicare con precisione gli estremi bibliografici di opere fondamentali eventualmente trascurate dall’Autore. Il referee deve inoltre segnalare al Direttore responsabile eventuali somiglianze o sovrapposizioni del testo ricevuto in lettura con altre opere a lui note.

 

Conflitto di interessi e divulgazione

Informazioni riservate o indicazioni ottenute durante il processo di peer-review devono essere considerate confidenziali e non possono essere usate per finalità personali. I referee sono tenuti a non accettare in lettura articoli per i quali sussiste un conflitto di interessi dovuto a eventuali rapporti di concorrenza con l’Autore.

 

DOVERI DEGLI AUTORI

Accesso e conservazione dei dati

Se il Comitato Scientifico lo ritenesse opportuno, gli Autori degli articoli dovrebbero rendere disponibili anche le fonti o i dati su cui si basa la ricerca, affinché possano essere conservati per un ragionevole periodo di tempo dopo la pubblicazione ed essere eventualmente resi accessibili.

 

Originalità e plagio

Gli Autori sono tenuti a dichiarare di avere composto un lavoro originale in ogni sua parte e di avere citato tutti i testi utilizzati.

 

Pubblicazioni multiple, ripetitive e/o concorrenti

L’Autore non dovrebbe pubblicare articoli che descrivono la stessa ricerca in più di una rivista. Proporre contemporaneamente lo stesso testo a più di una rivista costituisce un comportamento eticamente non corretto e inaccettabile.

 

Indicazione delle fonti

L’Autore deve sempre fornire la corretta indicazione delle fonti e dei contributi menzionati nell’articolo.

 

Paternità dell'opera

Va correttamente attribuita la paternità dell’opera e vanno indicati come coautori tutti coloro che abbiano dato un contributo significativo all’ideazione, all’organizzazione, alla realizzazione e alla rielaborazione della ricerca che è alla base dell’articolo. Se altre persone hanno partecipato in modo significativo ad alcune fasi della ricerca il loro contributo deve essere esplicitamente riconosciuto.

Nel caso di contributi scritti a più mani, l’Autore che invia il testo alla rivista è tenuto a dichiarare di avere correttamente indicato i nomi di tutti gli altri coautori, di avere ottenuto la loro approvazione della versione finale dell’articolo e il loro consenso alla pubblicazione in «Studi di Storia Medioevale e di Diplomatica».

 

Conflitto di interessi e divulgazione

Tutti gli Autori sono tenuti a dichiarare esplicitamente che non sussistono conflitti di interessi che potrebbero aver condizionato i risultati conseguiti o le interpretazioni proposte. Gli Autori devono inoltre indicare gli eventuali enti finanziatori della ricerca e/o del progetto dal quale scaturisce l'articolo.

 

Errori negli articoli pubblicati

Quando un Autore individua in un suo articolo un errore o un’inesattezza rilevante, è tenuto a informare tempestivamente il Direttore responsabile e a fornirgli tutte le informazioni necessarie per segnalare in calce all’articolo le doverose correzioni.

 

Organigramma

Direttore

Giuliana Albini, Università degli Studi di Milano

 

Comitato Scientifico

Marta Calleri, Università degli Studi di Milano

Cristina Carbonetti, Università di Roma Tor Vergata

Nadia Covini, Università degli Studi di Milano

Beatrice Del Bo, Università degli Studi di Milano

Andrea Gamberini, Università degli Studi di Milano

Clelia Gattagrisi, Università degli Studi Aldo Moro di Bari

Marina Gazzini, Università degli Studi di Milano

Paolo Grillo, Università degli Studi di Milano

Marta Luigina Mangini, Università degli Studi di Milano

Liliana Martinelli, Fondazione Centro studi "Nicolò Rusca" - Società Storica Valtellinese (già Università degli Studi di Milano)

François Ménant, Ecole Normale Supérieure

Hannes Obermair, Provincia Autonoma di Bolzano / Universität Innsbruck

Elisa Occhipinti, Società Storica Lombarda (già Università degli Studi di Milano)

Roberto Perelli Cippo, Fondazione Centro studi "Nicolò Rusca" (già Università degli Studi di Milano)

Daniel Piñol Alabart, Universitat de Barcelona

Antonella Rovere, Università degli Studi di Genova

Francesco Senatore, Università degli Studi di Napoli Federico II

Folco Vaglienti, Università degli Studi di Milano

Martin Wagendorfer, Universität Innsbruck

 

Comitato di Redazione

Francesco Bozzi

Elisabetta Canobbio

Marta Mangini (segretaria)

Fabrizio Pagnoni

 

Regolamento

Art. 1 – Istituzione della rivista

È costituita la rivista «Studi di Storia Medioevale e di Diplomatica» afferente al Dipartimento di Studi storici dell’Università degli studi di Milano, pubblicata on line sulla piattaforma di Ateneo Riviste UNIMI, in collaborazione con Pearson-Mondadori, che provvede alla messa on line sulla propria piattaforma (sito dedicato al Dipartimento).

 

Art. 2 - Direzione

La Direzione della rivista è affidata a un docente (ordinario o associato) di Storia Medioevale o di Diplomatica del Dipartimento di Studi Storici dell’Università degli Studi di Milano.

 

Art. 3 - Comitato Scientifico

Il Comitato Scientifico della rivista è composto dal Direttore, da almeno 2 docenti di ruolo del Dipartimento di Studi Storici dell’Università degli Studi di Milano dei settori di Storia Medioevale o di Diplomatica e da almeno 4 studiosi di fama internazionale, italiani o stranieri.

 

Art. 4 - Adempimenti del Comitato Scientifico

Il Direttore convoca, anche in via telematica, almeno una volta l’anno, il Comitato Scientifico per delineare il piano editoriale e programmarne l’attuazione.

 

Art. 5 – Comitato di Redazione

Il Comitato di Redazione, presieduto dal Direttore, è composto da un Segretario di Redazione (indicato dal Direttore) e da almeno 2 esperti delle discipline indicate.

 

Art. 6 – Adempimenti del Comitato di Redazione

Il Comitato di Redazione, che si riunisce almeno due volte l’anno, segue la realizzazione del piano editoriale messo a punto dal Comitato Scientifico.

 

Art. 7 - Caratteristiche della rivista

La rivista intende accogliere saggi di storia medioevale, di paleografia e di diplomatica, con preferenza per ricerche originali che utilizzino fonti inedite, delle quali è prevista anche la pubblicazione. La rivista intende incoraggiare la pubblicazione di opere di giovani studiosi, in particolare di dottorandi e assegnisti del Dipartimento di Studi Storici.

 

Art. 8 - Accesso alla collana

Il Comitato di Redazione, dopo aver valutato la congruenza del contributo con le finalità del periodico, lo sottopone al giudizio del Comitato Scientifico. Almeno due componenti del Comitato Scientifico dovranno approvare la pubblicazione.

 

Art. 9 - Valutazione delle pubblicazioni

Una volta accettati per la pubblicazione, i saggi saranno avviati a due referee, che ricevono copia dei saggi in forma anonima e una scheda tipo su cui vengono riportati gli estremi della valutazione.

 

Art. 10 - Pubblicità della procedura di referaggio

Il colophon dovrà recare, in italiano e in inglese, la seguente dicitura: “La presente opera è stata sottoposta a double-blind review con esito positivo”.

 

Art. 11- Rapporti con gli Autori

I rapporti con gli Autori relativamente alle modalità di consegna dei saggi, di correzione e di pubblicazioni sono regolati da quanto indicato dal Codice Etico.

 

Art. 12 - Finanziamento della collana

Il Dipartimento di Studi Storici dell’Università degli Studi di Milano si impegna a finanziare annualmente la pubblicazione. L’entità del finanziamento viene definita con cadenza triennale. 

 

Frequenza di pubblicazione

Studi di Storia Medioevale e di Diplomatica pubblica un fascicolo a cadenza annuale.

Tutti i numeri della Prima Serie (1976-2001: codice ISSN 1124-1268) sono stati digitalizzati e sono disponibili in questo sito nella sezione "archivio".

Article processing charges (APC)

Studi di Storia Medioevale e di Diplomatica non richiede costi per la procedura di presentazione, revisione e pubblicazione degli articoli.

Diritti d'autore

Gli autori mantengono il diritto sui propri lavori, cedendo in via non esclusiva a Studi di Storia Medioevale e di Diplomatica il diritto di pubblicazione.

Indicizzazione

La rivista Studi di Storia Medioevale e di Diplomatica è indicizzata nelle banche dati e nei cataloghi seguenti:

 

Catalogo Italiano dei Periodici (ACNP) / Italian Catalogue of Periodicals (ACNP)
http://acnp.cib.unibo.it/cgi-ser/start/it/cnr/fp.html

 

Directory of Open Access Journals (DOAJ)
http://www.doaj.org/

 

JournalTOCs
http://www.journaltocs.ac.uk/

 

Regesta Imperii
http://opac.regesta-imperii.de/lang_de/

 

Ulrich's Periodicals Directory

http://ulrichsweb.serialssolutions.com/title/1558596650722/832252 

 

MIRABILE - Archivio digitale della cultura medievale - Digital Archives for Medieval Culture

https://www.mirabileweb.it/