Le ‘ultime parole’. Il ruolo di mediatore del notaio nel fine vita

Autori

DOI:

https://doi.org/10.17464/9788891931177_04

Parole chiave:

Testamenti, Mediazione notarile, Genova, Secc. XII-XIII

Abstract

Il fondamentale ruolo di mediatore svolto dal notaio nella redazione dei testamenti è analizzato attraverso il ricco fondo notarile dei secoli XII e XIII conservato presso l’Archivio di Stato di Genova. I protocolli che sono pervenuti contengono numerosi atti di ultima volontà strutturati secondo il cosiddetto modello bolognese e offrono dunque la possibilità di osservare questi professionisti al lavoro a partire dalla seconda metà del secolo XII, proprio nel momento in cui il ritorno al testamento romano incomincia ad essere attestato.

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.

##submission.downloads##

Pubblicato

2022-03-03

Come citare

Calleri, M. (2022) «Le ‘ultime parole’. Il ruolo di mediatore del notaio nel fine vita», Studi di storia medioevale e di diplomatica - Nuova Serie, pagg. 51–65. doi: 10.17464/9788891931177_04.