Viewing the Sparkling Scenery of the Sea with Μαρμάρεος
pdf (English)

Come citare

Saito, Y. (2020). Viewing the Sparkling Scenery of the Sea with Μαρμάρεος. AOQU (Achilles Orlando Quixote Ulysses). Rivista Di Epica, 1(2), 37–71. https://doi.org/10.13130/2724-3346/14713

Abstract

I luminosi paesaggi marini e il moto delle onde risonanti misteriosamente multicolore, uniti a un senso del divino, incantano gli spettatori. A tal proposito un elemento è fondamentale: il significato della luce che rischiara o incupisce le tonalità del mare. Per questa ragione intendo concentrare l’attenzione sul concetto di μαρμάρεος attraverso un approccio epistemologico connesso al colore, e analizzarlo metaforicamente, al fine di fare luce sulla complessa interrelazione tra le tonalità luminose e gli effetti che esse esercitano sullo spettatore. Il ritratto del mare luccicante in Il XIV 273 è difficile da visualizzare poiché la percezione del colore, essendo correlata a vari fattori, è un’esperienza multisensoriale. Anche gli studi neuro scientifici rilevano che la vicinanza al mare, così come l’osservazione di paesaggi marittimi, comporta benefici per l’uomo. Cogliendo il nesso impercettibile tra μαρμάρεος, luce, e mare, che implica una doppia connotazione, il mio obiettivo è mostrare il senso estetico del poeta, animato da un’abilità orchestratrice in grado trasmettere tanto l’effetto visivo della luce quanto la sua sacralità, svelando il senso del colore degli antichi.

https://doi.org/10.13130/2724-3346/14713
pdf (English)