Ellipse et surgissement des femmes dans la mer héroïque de l’"Éneide"
pdf

Parole chiave

Epopea, elegia, Virgilio, mare, donne, Omero

Come citare

DemerliacO. (2020). Ellipse et surgissement des femmes dans la mer héroïque de l’"Éneide". AOQU (Achilles Orlando Quixote Ulysses). Rivista Di Epica, 1(2), 99-136. https://doi.org/10.13130/2724-3346/14715

Abstract

Il saggio propone uno studio sull’assenza e la presenza delle donne in relazione al mare all’interno dell’Eneide. Dapprima si osserva che nessuna donna troiana menzionata durante la navigazione verso l’Italia. Le donne sono quasi assenti fino al Libro V, dove, esauste per la navigazione, cercano di bruciare le navi. Si nota poi che i Troiani restanti vengono selezionati in base alle loro capacità nautiche e militari. Pertanto, si propone l’idea che il mare abbia un ruolo essenziale nella definizione di un eroe epico nell’Eneide. Inoltre, questa assenza di donne nella rappresentazione del viaggio per mare sembra essere un motivo epico ispirato a Omero e Apollonio Rodio. Successivamente, si studia la presenza di Didone e Cleopatra sul mare. La prima è interessante per la sua capacità di navigare per diversi scopi: esilio, amore e guerra. Questa rappresentazione può derivare dal motivo elegiaco della fanciulla innamorata disposta a navigare. Le figure di Cleopatra e Didone collegano la femminilità, l’amore, il mare e la guerra in un modo che è eccezionale nell’epica e può essere dovuto a influenze elegiache.

https://doi.org/10.13130/2724-3346/14715
pdf