NODI PROBLEMATICI NELLA GRAMMATICA VALENZIALE: LA SICUREZZA DEL METODO

  • Maria G. Lo Duca

Abstract

Come è ormai ampiamente noto, il modello valenziale ipotizza che il verbo sia il centro propulsore della frase e ne determini la struttura. Per lavorare con questo modello, bisognerà quindi in prima battuta ragionare sul verbo, e imparare a individuare gli elementi necessari, gli argomenti indispensabili alla realizzazione dell’evento rappresentato dal verbo. In questo saggio, dopo aver discusso il concetto di obbligatorietà dell’argomento, si affrontano una serie di casi problematici, e si individuano sottogruppi di verbi la cui struttura argomentale non è immediatamente evidente, o (il che è il caso più frequente) di verbi che presentano più strutture argomentali, e quindi più significati. Infine si incoraggiano i docenti a non temere le difficoltà, e ad incentivare la discussione con gli allievi sui casi più controversi. Si tratta di ragionare non già in termini di giusto/sbagliato, ma di più o meno plausibile, più o meno convincente, tenendo nel debito conto da una parte l’età degli allievi, dall’altra le sistemazioni già disponibili in materia.

 

Problematic nodes in valency grammar: the reliability of the method

As it is now widely known, the valency model assumes that the verb is the propelling center of the sentence and determines its structure. In order to work with this model, it is therefore necessary to reason about the verb and learn how to identify necessary elements, indispensable argument for the realization of the event represented by the verb. In this essay, after discussing the concept of the compulsoriness of the argument, we deal with a series of problematic cases and identify subgroups of verbs whose argumentative structure  is not immediately evident or (which is the most frequent case) verbs that have several argumentative structures and therefore more meanings. Finally, teachers are encouraged not to fear difficulties and encourage discussion with students on the most controversial cases. It is a question of reasoning, not in terms of right or wrong, but what is more or less plausible, more or less convincing, taking due account of the students’ age and the structures?? already available on the subject.

Pubblicato
2020-01-16
Sezione
EDUCAZIONE LINGUISTICA