Saggi e accertamenti testuali

"In morte di Andrea Appiani pittore" e "In morte di Antonio Canova scultore": versi inediti di Felice Bellotti

Viola Bianchi

Abstract


Il contributo mira a fornire il testo inedito di due poesie d’occasione di Felice Bellotti: In morte di Andrea Appiani pittore e In morte di Antonio Canova scultore. Viene dunque presentato lo studio filologico condotto sugli autografi presso la Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano, che ha portato all’individuazione di un possibile punto di arrivo in un manoscritto recante entrambi i componimenti. Essi risultano uniti nel progetto, poi abbandonato, di una plaquette celebrativa di Andrea Appiani e Antonio Canova, due dei massimi esponenti del neoclassicismo italiano nelle arti figurative. Lo scopo è portare alla luce un cimento poetico forse ingiustamente condannato dallo stesso autore e aggiungere un tassello alla definizione della sua complessa - benché poco nota - figura intellettuale.

 

"In morte di Andrea Appiani pittore" and "In morte di Antonio Canova scultore": unpublished verses by Felice Bellotti

The paper provides two unpublished poems written by Felice Bellotti: In morte di Andrea Appiani pittore and In morte di Antonio Canova scultore. A philological study is presented, based on the author’s manuscripts. One of these, including a writing of both the poems, turned out to be a putative arrival point. It seems to be the project of a commemorative plaquette, made after the death of two important exponents of the Italian neoclassical art: Andrea Appiani and Antonio Canova. The intent is to bring these verses to light, adding some details to the definition of Felice Bellotti’s figure.

Parole chiave

Felice Bellotti; Andrea Appiani; Antonio Canova; neoclassicismo; filologia; ecdotica; manoscritto; autografo; Biblioteca Ambrosiana; Milano; Ottocento

Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.13130/2499-6637/11697

NBN: http://nbn.depositolegale.it/urn%3Anbn%3Ait%3Aunimi-24714

Riferimenti bibliografici


carteggi delle biblioteche lombarde: censimento descrittivo, a cura di Vanna Salvadori, Milano, Editrice Bibliografica, 1986-1991.

I fondi speciali delle biblioteche lombarde, a cura dell’Istituto lombardo per la storia della Resistenza e dell’età eontemporanea, vol. I (Milano e Provincia), Milano, Editrice Bibliografica, 1995.

Felice Bellotti, In morte di Giuseppe Bossi pittore. Versi di Felice Bellotti, Milano, Destefanis, 1816.

In morte del conte Giulio Perticari al cav. Vincenzo Monti. Ode di Felice Bellotti, in Opere del conte Giulio Perticari, vol. III (Opuscoli del conte Giulio Perticari), Lugo, Melandri, 1823, pp. 642-645.

La figlia di Jefte. Tragedia di Felice Bellotti, Milano, Società Tipografica dei Classici Italiani, 1834.

Ad Alberto Parolini in morte di Giulia Londonio sua moglie. Versi di Felice Bellotti, Milano, Bernardoni, 1840.

La liberazione di Milano nel 1848. Ode, Milano, Bernardoni, 1848.

A Giuseppe Bossi, pittore in Un ricordo a Giuseppe Bossi. Sue poesie edite ed inedite colla vita scritta da Gaetaneo Cattaneo sino all’ieri sconosciuta. Annotate e pubblicate dal Dott. Carlo Casati, Milano, F.lli Dumolard, 1885, pp. 99-106.

A Pio IX. Canzone di Felice Bellotti. Lugano, 1848, Ottobre, Milano, Bernardoni, 1898.

Alberto Cadioli, Le carte di Felice Bellotti, in Tra i fondi dell’Ambrosiana. Manoscritti italiani antichi e moderni. Milano, 15 - 18 maggio 2007, a cura di Marco Ballarini, Gennaro Barbarisi, Claudia Berra e Giuseppe Frasso, Milano, Cisalpino, 2008, pp. 457-478.

Protofilologia d’autore in un progetto di edizione del Giorno, in Rileggendo Giuseppe Parini: storia e testi. Atti delle giornate di studio, 10 - 12 maggio 2010, a cura di Marco Ballarini, Paolo Bartesaghi, Milano-Roma, Biblioteca Ambrosiana-Bulzoni, 2011 («Studi ambrosiani di italianistica», 2), pp 199-211.

Liana Capitani, Felice Bellotti (s.v.) in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. VII, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 1970, pp. 792-793.

Eschilo, Tragedie di Eschilo tradotte da Felice Bellotti, 2 voll., Milano, Società Tipografica dei Classici Italiani, 1821.

Euripide, Tragedie di Euripide tradotte da Felice Bellotti, Milano, Stella, 1829.

Tragedie di Euripide recate in italiano da Felice Bellotti, 4 voll., Milano, Resnati, 1844-1851.

Omero, Dell’Ulissea di Omero: libro quinto, [trad. di Felice Bellotti], Milano, Mussi, 1811.

Massimo Rodella, Libri e manoscritti entrati in Ambrosiana tra il 1815 e il 1915, in Storia dell’Ambrosiana. L’Ottocento, a cura di Amilcare Pizzi, Milano, IntesaBci, 2001, pp. 213-239.

Apollonio Rodio, Gli argonauti di Apollonio Rodio, traduzione dal greco di Felice Bellotti, a cura di Giovanni Antonio Maggi, Firenze, succ. Le Monnier, 1873.

Sofocle, Tragedie di Sofocle tradotte da Felice Bellotti, 2 voll., Milano, Mussi, 1813.

Tragedie di Sofocle recate novamente in italiano da Felice Bellotti, 2 voll., Milano, Molina, 1855.


Metriche dell'articolo

Caricamento metriche ...

Metrics powered by PLOS ALM

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




 

riviste.unimi.it - Dipartimento di Studi letterari, filologici e linguistici

 

Licenza Creative Commons
This work is licensed under CC BY-SA 3.0 IT

ISSN: 2499-6637 - PEML è indicizzata su DOAJ  EBSCO  ITALINEMO