Le carte di Salvator Rosa alla Biblioteca Ambrosiana: primi sondaggi

Autori

  • Stefania Baragetti Università degli Studi di Milano

DOI:

https://doi.org/10.13130/2499-6637/12789

Parole chiave:

Salvator Rosa, Bilioteca Ambrosiana, satire, autografi, filologia

Abstract

Il presente contributo dà conto di una serie di autografi delle Satire di Salvator Rosa, conservati presso la Veneranda Biblioteca Ambrosiana (S.P.63) e mai presi in considerazione dagli studiosi, e offre i primi risultati dell’indagine avviata in particolare sulle carte autografe di La Musica, La Poesia, La Pittura. Il primo tentativo di stabilire il testo critico delle sette satire di Salvator Rosa, composte tra il 1641 e il 1663 (a stampa nel 1694 circa), risale al 1892, per le cure di Giovanni Alfredo Cesareo, e tuttora si fa ricorso a questa edizione; ma, per ammissione dello stesso editore, la recensio dei testimoni manoscritti è incompleta. Una nuova sistemazione testuale non potrà dunque non tenere conto anche degli autografi conservati presso la Biblioteca Ambrosiana.

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.

Riferimenti bibliografici

Autori italiani del ’600, catalogo bibliografico a cura di Sandro Piantanida, Lamberto Diotallevi, Giancarlo Livraghi, Roma, Multigrafica, 1986 (rist. anast. dell’edizione Milano, Libreria Vinciana, 1948-1951), 3 voll.

Paola Besutti, «È la musica odierna indegna e vile»: Salvator Rosa e Antonio Cesti nella Firenze di metà Seicento, in Firenze milleseicentoquaranta. Arti, lettere, musica, scienza, a cura di Elena Fumagalli, Alessandro Nova, Massimiliano Rossi, Venezia, Marsilio, 2010, pp. 151-172.

Giovanni Alfredo Cesareo, Bricciche rosiane, «Giornale storico della letteratura italiana», XXII, 1893, pp. 185-199.

Carmine Chiodo, Il gioco verbale. Studi sulla rimeria satirico-giocosa del Seicento, Roma, Bulzoni, 1990.

Floriana Conte, Tra Napoli e Milano. Viaggi di artisti nell’Italia del Seicento. II. Salvator Rosa, Firenze, Edifir, 2014.

Benedetto Croce, Salvator Rosa [1893], in Saggi sulla letteratura italiana del Seicento, Bari, Laterza, 1911, pp. 315-359.

Daniela De Liso, Salvator Rosa tra pennelli e versi. Con la raccolta di tutte le «Poesie», Firenze, Cesati, 2018.

Lucio Festa, Una redazione inedita del «Tireno» di Salvator Rosa, «Archivio storico per le province napoletane», s. III, XVIII, 1979, pp. 185-216.

Per la cronologia delle satire di Salvator Rosa, «Atti della Accademia Pontaniana », n.s., XXXII, 1983, pp. 377-390.

Carmine Jannaco, Martino Capucci, Salvator Rosa e la Satira, in Storia letteraria d’Italia, diretta da Armando Balduino, Il Seicento, 3a ed., Milano-Padova, Vallardi-Piccin, 1986, pp. 485-497.

Uberto Limentani, Bibliografia della vita e delle opere di Salvator Rosa, Firenze, Sansoni, 1955.

La satira dell’«Invidia» di Salvator Rosa e una polemica letteraria del Seicento, «Giornale storico della letteratura italiana», CXXXIV, 1957, pp. 570-585.

La satira nel Seicento, Milano-Napoli, Ricciardi, 1961.

Ilaria Miarelli Mariani, Lettere di Augusto Rosa a Giovan Battista Ricciardi (1673-1686), «Studi secenteschi», XLIV, 2003, pp. 281-313.

Giovanni Battista Passeri, Salvator Rosa pittore, e poeta, in Vite de’ pittori, scultori ed architetti che hanno lavorato in Roma, morti dal 1641 fino al 1673, Roma, Settari, 1772, pp. 416-439 (si veda ora l’edizione a cura di Monia Carnevali, Eleonora Pica, con un saggio storico di Carmelo Occhipinti, Roma, UniversItalia, 2018).

Michele Rak, Cade il mondo. Icone, magia, saperi e devozione nelle satire di Salvator Rosa, in Salvator Rosa tra mito e magia, Napoli, Electa, 2008, pp. 88-96.

Massimo Rodella, Libri e manoscritti entrati in Ambrosiana tra il 1815 e il 1915, in Storia dell’Ambrosiana. L’Ottocento, Milano, IntesaBci, 2001, pp. 213-239.

Salvator Rosa

- Satire di Salvator Rosa dedicate a Settano, Amsterdam [ma Roma], Severo Prothomastix, [1694 circa].

- Satire di Salvator Rosa con le note di Anton Maria Salvini e di altri, Londra [ma Livorno, Masi], 1781.

- Satire, odi e lettere di Salvator Rosa, illustrate da Giosuè Carducci, Firenze, Barbèra, 1860.

- Abbozzi di poesie, Napoli, De Angelis, 1876.

- Poesie e lettere edite e inedite di Salvator Rosa pubblicate criticamente e precedute dalla vita dell’autore rifatta su nuovi documenti, per cura di Giovanni Alfredo Cesareo, Napoli, Tipografia della Regia Università, 1892, 2 voll.

- Satire, a cura di Danilo Romei, commento di Jacopo Manna, Milano, Mursia, 1995.

- Lettere, raccolte da Lucio Festa, edizione a cura di Gian Giotto Borrelli, Napoli, Istituto Italiano per gli Studi Storici, 2003.

Giorgio Vasari, Le vite de’ più eccellenti pittori, scultori e architettori nelle redazioni del 1550 e 1568, testo a cura di Rosanna Bettarini, commento secolare a cura di Paola Barocchi, Firenze, Sansoni-Spes, 1966-1987, 9 voll.

Gabriella Vinciguerra, Salvator Rosa: pittore e poeta, in Teoria e storia dei generi letterari. I bersagli della satira, a cura di Giorgio Bàrberi Squarotti, Torino, Tirrenia, 1987, pp. 125-139.

##submission.downloads##

Pubblicato

2020-01-16

Fascicolo

Sezione

Notizie dagli archivi