ALCUNE RIFLESSIONI SUI DOCENTI CHE INSEGNANO NEI “PERCORSI DI ALFABETIZZAZIONE E APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITALIANA”

Autori

  • Igor Deiana

DOI:

https://doi.org/10.54103/2037-3597/18160

Abstract

Attraverso un’analisi delle caratteristiche del corpo docente dei Percorsi di alfabetizzazione e apprendimento della lingua italiana, il presente contributo si propone di evidenziare alcuni dei punti di forza e debolezza di questi corsi. Sulla base di quanto emerso da un’indagine rivolta ai docenti che vi insegnano si metterà a fuoco il profilo degli insegnati della scuola primaria e degli altri docenti che lavorano in questi corsi. Ci si concentrerà sulla loro formazione iniziale, l’eventuale conseguimento di specializzazioni in italiano L2, l’esperienza maturata rispetto all’insegnamento dell’italiano L2 e LS, la frequenza di momenti di formazione e aggiornamento e i bisogni formativi dichiarati dagli stessi intervistati. Inoltre, grazie a quanto emerso da un’indagine rivolta esclusivamente ai docenti di Lingua italiana per discenti di lingua straniera, noti anche come A23, si proporranno alcune riflessioni rispetto alle caratteristiche dei docenti che lavorano in questi corsi.

 

Some reflections on teachers who teach in  “literacy and Italian language learning courses”

This paper concentrates on the the Provincial Centre for Adult Education, commonly called CPIA (Centro Provinciale per l’Istruzione degli Adulti) and in particular on Literacy and Italian language courses for foreigners (Percorsi di alfabetizzazione e apprendimento della lingua italiana or Percorsi AALI). Based on the results of two surveys administrated to a sample of CPIA’s teachers in 2019 and 2020, the focus is on the teachers of Percorsi AALI. Starting from the analysis of the teacher profiles, the quality of Percorsi AALI is examined by the critical aspects in order to understand the causes.

##submission.downloads##

Pubblicato

2022-07-18 — Aggiornato il 2022-07-21

Versioni