Strategie della conoscenza nella riflessione di Guglielmo di S. Thierry
Amor incapibilem capit, incomprehensibilem comprehendit

  • Marco Rossini

Abstract

Il problema della visio Dei: si intende comprendere cosa Dio sia, non chi sia. Fondamentale è l'analogia con la struttura della conoscenza sensibile, caratterizzata dall'identificazione fra soggetto conoscente e oggetto conosciuto. L'amore, inteso come sensus animae, opera per mezzo di una conoscenza identificante attraverso una modificazione del sentimento, anche se con una fondamentale differenza rispetto agli altri sensi, in quanto essenzialmente caratterizzato dalla libertà. La declinazione di amore e libertà è uno dei possibili usi dell'amore. Percorsi alternativi possono fondarsi sulla dottrina della doppia immagine dell'uomo con la conseguenza che altro è l'amore come sensus animae, altro è la sua rectitudo, individuata nel decor. La relazione che si instaura tra soggetto conoscente e termine dell'azione conoscitiva trasforma il primo, superando la contrapposizione soggetto-oggetto propria della conoscenza razionale. Nell'atto conoscitivo dell'amor, l'oggetto rappresenta lo specchio necessario attraverso il quale il soggetto diviene trasparente a sé.
Pubblicato
2008-07-12
Sezione
Saggi