Avvisi

Ultimo numero

N. 17 (2022): Per Massimo Campanini
					Visualizza N. 17 (2022): Per Massimo Campanini

Fascicolo a cura di Francesca Forte e Amalia Salvestrini

“Cultura non è possedere un magazzino ben fornito di notizie, ma è la capacità che la nostra mente ha di comprendere la vita, il posto che vi teniamo, i nostri rapporti con gli altri uomini. Ha cultura chi ha coscienza di sé e del tutto, chi sente la relazione con tutti gli altri esseri. Cosicché essere colto, essere filosofo lo può chiunque voglia“
Antonio Gramsci, Quaderni del Carcere

Pubblicato: 2022-05-14
Visualizza tutte le uscite

Rivista di storia della filosofia medievale.
A cura delle cattedre di Storia della filosofia medievale della Università degli studi di Milano.

Direzione:
Alfio Ferrara, Francesca Forte, Massimo Parodi, Marco Rossini

Comitato direttivo
Maria Cristina Bartolomei, Massimo Campanini, Alessandra Capacchione, Carla Casagrande, Aldo Andrea Cassi, Francesca Pullano, Amalia Salvestrini

Comitato scientifico:
Olivier Boulnois (Paris), Dino Buzzetti (Bologna), Glauco Cantarella (Bologna), Marcia L. Colish (Yale), Riccardo Fedriga (Bologna), Giancarlo Garfagnini (Firenze), Christophe Grellard (Paris), Silvia Magnavacca (Buenos Aires), Stefano Simonetta (Milano), Katherine Tachau (Iowa City)

I Saggi di ogni numero sono pubblicati anche su carta, come Quaderno di Doctor Virtualis, edito da Cuem, Milano (per i fascicoli 1-10); da Unicopli, Milano (per i fascicoli 11-15), da Biblion, Milano (dal fascicolo 16)

 

La Rivista si articola in due sezioni che configurano diversi modi di relazione con la durata

 

 

Aevum

 

Materiale che, in linea di principio, ha un inizio ma non una fine. Gli studi scientifici in senso stretto.

 

  • Pubblicato il nuovo fascicolo: DV 17 Per Massimo Campanini, studioso di civiltà islamica
  • In preparazione: numero speciale per i vent'anni della rivista: DV 18 "Analogia e Medioevo sive vent'anni di analogie"

 

 

Doctor Virtualis 17: Per Massimo Campanini

Fascicolo a cura di Francesca Forte e Amalia Salvestrini

 

“Cultura non è possedere un magazzino ben fornito di notizie, ma è la capacità che la nostra mente ha di comprendere la vita, il posto che vi teniamo, i nostri rapporti con gli altri uomini. Ha cultura chi ha coscienza di sé e del tutto, chi sente la relazione con tutti gli altri esseri. Cosicché essere colto, essere filosofo lo può chiunque voglia“
Antonio Gramsci, Quaderni del Carcere


 

 

 

Tempus

 

Materiale per la rete. Rubriche e interventi più agili e brevi

Liberi richiami al tema monografico

Il lavoro di preparazione per i prossimi numeri. Discussioni. Proposte. E' anche un invito a partecipare alle nostre riflessioni.

I link

 

 

 

 

 

Viaggio spirituale e viaggio terreno: anime, corpi e testi