N. 6 (2007)

Un medioevo per il cinema: Intentio, Fictio

Il cinema come fictio

Non si tratta di risolvere le tensioni e le contraddizioni tra fedeltà e infedeltà, tra storicità e finzione, tra filologia e fantasia, tra documenti e vita, tra spiritualità e materialità,ma di ragionare sul fatto che tali polarità animano inevitabilmente questo livello di realtà, quando si tratta di un oggetto intenzionale come l'immagine cinematografica del medioevo, ma anche quando si prendono in considerazione teorie storiografiche o dottrine filosofiche.

Sommario

Massimo Parodi, Chiara Selogna
PDF

Saggi

Letizia Bellocchio
PDF
Tomaso Subini
PDF
Stella Dagna
PDF
Mauro Giori
PDF
Luigi Spinelli
PDF
Chiara Cappelletto
PDF
Manuel Billi
PDF
Ulisse Sansò
PDF
Fabio Boverio
PDF
Riccardo Fedriga
PDF